+39 02 267 111


intestazione logo bottonificio Lozio 

Varietà di modelli e dimensioni per gli automatici del bottonificio


Senza impegno

Bottoni a pressione o automatici

Sono conosciuti in tutto il mondo, sono pratici, comodi, veloci da applicare, stiamo parlando dei bottoni a pressione, conosciuti anche come automatici.

bottonificio - bottoni

Sembra che esso venne citato per la prima volta in un passo del Paradiso della Divina Commedia di Dante, in riferimento ad un abito di Beatrice del quale scrisse “parea avesse le ciappette”, parola di uso comune, soprattutto nell'Italia del Sud, per descrivere i bottoni a pressione o automatici... citazione che precede di gran lunga la comparsa del concetto di bottonificio!

bottonificio - bottoni

 

La lungimiranza del settore è testimoniata dall'introduzione, nella metà dell'800, dalle prime forme di bottoni a pressione, con i quali sembra siano state approntate anche le camicie dei Garibaldini per volere dello stesso Garibaldi, che si rivolse a quello che poteva essere considerato un primordiale bottonificio.
Di certo era un momento storico nel quale poter procedere alla manutenzione dell'abbigliamento in modo pratico era considerato fortemente importante e, per tale motivo, le produzioni in questo ambito, cominciarono ad avvalersi delle minuterie metalliche. E' così che fecero la loro comparsa nella moda di metà '800, in particolare nell'abbigliamento militare, le minuterie metalliche.
Si può datare al 1885 l'ingresso del bottone a pressione nella moda e, di conseguenza, nelle produzioni dei bottonifici. Grazie al nuovo impulso dettato dalle minuterie metalliche per abbigliamento, e non meno all'ingegno del tedesco Heribert Bauer che lo brevettò, il bottone a pressione senza asole, entra in scena a corredo degli abiti civili.
Alcuni sostengono però, che tale invenzione sia da attribuire al danese Bertel Sanders, all'incirca nel medesimo periodo.
Gli automatici, solitamente realizzati in acciaio inox od ottone, rientrano nella categoria delle minuterie metalliche. Sono bottoni pratici, ma versatili al punto da poter essere realizzati anche per capi eleganti; ben lo sanno i grandi stilisti e i bottonifici, che negli ultimi decenni hanno portato le minuterie metalliche nel mondo dell'alta moda, conferendo loro uno stile esclusivo.

Sono composti da quattro parti, e si dividono in tre classi ben distinte, le cui sigle sono usate a livello mondiale: Alfa, Kappa e Mu.

Testa/femmina-maschio/contromaschio sono i quattro elementi che costituiscono gli automatici: ogni coppia viene fissata ad un lembo della stoffa da unire. I bottoni sono applicati tramite la rivettatura che è un procedimento attraverso il quale le coppie di elementi sono unite in modo saldo alla stoffa grazie alla pressatura che, in seguito alla deformazione del metallo, blocca la stoffa stessa.

I bottoni automatici Alfa sono adatti per qualsiasi impiego.

I bottoni automatici Kappa hanno una resistenza superiore che li rende idonei a giacche a vento e capi similari e molto utilizzati anche per i capi sportivi, da lavoro e militari.

Le prime due categorie si connotano per la rivettatura con olgo ad anello, mentre i Mu presentano la cosidetta rivettatura "a graffe".

I bottoni automatici con molla circolare Kappa, sono più resistenti alla slacciatura e hanno una tenuta più forte, il che li rende perfettamente adatti sia al confezionamento di capi da lavoro, realizzati con materiali spessi e di particolare resistenza, sia alla produzione di vestiario in pelle dove le minuterie metalliche devono combinare in un unico aspetto, sicurezza ed estetica.

Nelle produzioni in cui serva una forza di allacciatura leggera o media, per la maglieria e i tessuti elasticizzati, risultano invece più indicati gli automatici a graffe del nostro bottonificio, in quanto la resistenza si combina con l'alta affidabilità. Il nostro bottonificio adotta, per l'applicazione delle minuterie metalliche sulla maglieria, tecnologie avanzate per impedire che il capo risulti danneggiato dal processo di rivettatura quando vengono applicate le minuterie metalliche stesse.

"Clic": questo è il caratteristico suono del bottone a pressione, sul quale sono state pensate le più svariate campagne di pubblicità e di immagine, in grado di esaltare la praticità dello stesso e le sue numerose applicazioni.

Essi hanno, infatti, la caratteristica di essere particolarmente versatili in quanto tra le minuterie metalliche sono quelli che possono essere realizzati con materiali molto diversi per colore e pregio. Rispondono pertanto perfettamente alle esigenze della moda, sono particolarmente pratici e veloci da applicare.

Il catalogo del nostro bottonificio non contempla solo un'estesa gamma di automatici per la moda, dotati di differenti caratteristiche e grandezze, ma ha ampliato il proprio assortimento per il settore della cartotecnica, che da molti anni, e con successo, ha adottato i bottoni a pressione. A chiunque sarà certamente capitato di acquistare, o almeno vedere, raccoglitori per ufficio e cartelline con un sistema di chiusura realizzato attraverso un bottone automatico. Il nostro bottonificio, inoltre per venire incontro alle esigenze dei clienti dispone di un vasto assortimento di automatici a magazzino, in pronta consegna.

La nostra azienda commercializza anche tutte le macchine rivettatrici manuali, semiautomatiche ed automatiche adatte all'applicazione degli automatici. Con una pressetta manuale non è possibile applicare più di 500 bottoni all'ora, ma con le nostre rivettatrici è possibile applicarne anche più di 3.000 all'ora, 5.000 per un operatore esperto.