+39 02 267 111


intestazione logo bottonificio Lozio 

Bottonificio Lozio®

 
Senza impegno

Bottoni a pressione o automatici

Sono conosciuti in tutto il mondo, sono pratici, comodi, veloci da applicare, stiamo parlando dei bottoni a pressione, conosciuti anche come automatici.

bottonificio - bottoni

Pare che per la prima volta esso venne citato ben prima  della comparsa del concetto di bottonificio, addirittura nella Divina Commedia di Dante, che, nel Paradiso, riferendosi ad un indumento di Beatrice scrive: “parea avesse le ciappette”, quest’ultimo essendo il termine  popolare con cui ancora oggi – soprattutto al Sud – vengono indicati i bottoni a pressione o automatici.

bottonificio - bottoni

 

Certamente il settore fu lungimirante, in quanto una forma pioneristica del bottone a pressione era già in voga alla metà dell'800 e pare che tutte le camicie dei famosi 1.000 di Garibaldi fossero state confezionate con essi, avvalendosi di un bottonificio, su richiesta dello stesso Garibaldi. Certamente era un periodo storico in cui la praticità di manutenzione dell'abbigliamento era fondamentale e quindi ogni negozio cominciò ad introdurre nei propri settori di produzione anche le minuterie metalliche, e così le minuterie metalliche a metà dell'800 entrarono di prepotenza nel mondo dell'abbigliamento e soprattutto dell'abbigliamento militare. La data ufficiale in cui però il bottone a pressione fa la sua comparsa nella storia della moda, e nell'industria del bottonificio, risale al 1885 quando con un ulteriore sviluppo delle minuterie metalliche per abbigliamento, il bottone a pressione brevettato dall'inventore tedesco Heribert Bauer fece capolino tra gli abiti civili ed era senza asole. Alcuni, però, attribuiscono l'invenzione di questo oggetto al danese Bertel Sanders più o meno nello stesso periodo. Gli automatici, fanno parte delle minuterie metalliche, sono realizzati generalmente in ottone o in acciaio inox. Sono considerati per eccellenza i bottoni della praticità, ma possono essere anche eleganti e sicuramente hanno uno stile che negli ultimi decenni è stato molto ben interpretato dal mondo dei bottonifici e dai grandi stilisti che hanno così permesso alle minuterie metalliche di entrare a far parte dell'esclusivo mondo della moda design.

Formati da quattro parti, essi si dividono in tre categorie definite: Alfa, Kappa e Mu, sigle con cui vengono catalogati in tutto il mondo.

Le quattro parti che compongono gli automatici sono: testa/femmina-mascio/contromaschio e corrispondono a due componenti per ciascuno delle due parti di stoffa da unire. Esso è perciò applicato con la tecnica della rivettatura, procedimento durante il quale ogni coppia di elementi del bottone è saldamente unita alla stoffa tramite un'operazione di pressatura che, deformando il metallo, costringe la stoffa tra le due parti.

I bottoni automatici Alfa sono adatti per qualsiasi utilizzo.

I bottoni automatici Kappa hanno una resistenza superiore idonei a giacche a vento e capi similari e molto utilizzati per i capi sportivi, da lavoro e militari.

Queste due prime categorie presentano rivettatura con olgo ad anello, mentre i Mu si connotano per la rivettatura cosidetta "a graffe".

I bottoni automatici con molla circolare kappa sono più resistenti alla slacciatura e una tenuta più forte e sono perfetti per l'applicazione su capi particolarmente resistenti realizzati con tessuti spessi per l'abbigliamento da lavoro e la pelle dove l'utilizzo delle minuterie metalliche assume non solo un ruolo estetico, ma anche di sicurezza.

Gli automatici a graffe del nostro bottonificio, invece, hanno un sistema che combina resistenza con l'alta affidabilità nei casi in cui sia necessaria una forza leggera o media di allacciatura e sono i più adatti anche per il tessuto elasticizzato e la maglieria. Le minuterie metalliche applicate sulla maglieria, infatti, devono possedere caratteristiche tecnologiche avanzate come quelle utilizzate dal nostro bottonificio per consentire al capo di non essere danneggiato dal procedimento di rivettatura con cui vengono applicate le minuterie metalliche.

Il suono caratteristico del bottone a pressione è "clic" e su questo suono sono state progettate numerosissime campagne di immagine e di pubblicità che enfatizzano la praticità dello stesso e le ampie applicazioni.

Essi hanno, infatti, la caratteristica di essere particolarmente versatili in quanto tra le minuterie metalliche sono quelli che possono essere realizzati con materiali molto diversi per colore e pregio. Rispondono pertanto perfettamente alle esigenze della moda, sono particolarmente pratici e veloci da applicare.

Il catalogo del nostro bottonificio non contempla solo una infinita gamma di automatici per il sistema moda di varie grandezze e caratteristiche, il catalogo del nostro negozio comprende anche bottoni a pressione per la cartotecnica, settore che li utilizza con successo da molti anni: sicuramente è capitato a tutti di vedere o acquistare cartelline e raccoglitori per ufficio tenute insieme e chiuse da un bottone automatico. Il nostro bottonificio, inoltre per venire incontro alle esigenze dei clienti dispone di un vasto assortimento di automatici a magazzino, in pronta consegna.

La nostra azienda commercializza inoltre tutte le macchine rivettatrici manuali, semiautomatiche ed automatiche idonee per l'applicazione degli automatici. Con una pressetta manuale non è possibile applicare più di 500 bottoni all'ora, ma con le nostre rivettatrici è possibile applicarne anche più di 3.000 all'ora, 5.000 per un operatore esperto.

Richiedi una campionatura mirata per le tue esigenze.

La nostra produzione per la moda: bottoni in corozo, corno, madreperla, galalite, metallo, poliestere, automatici, ricoperti, a pressione, rivetti jeans, gancio per pantalone, fili attaccacartellini, macchine rivettatrici, manuali e automatiche.