+39 02 267 111


intestazione logo bottonificio

Il bottonificio utilizza conchiglie di varia natura per i bottoni in madreperla

chiedi info bottonificio
Senza impegno

Bottoni in madreperla del bottonificio per abbellire e impreziosire i capi

Siamo partiti dalle lische di pesce utilizzate dai nostri progenitori a mo' di allacciatura per unire due lembi di pelle, per arrivare alla nobiltà e all'aristocrazia francese, presso cui i bottoni ebbero grande successo e popolarità. Come abbiamo già avuto modo di vedere, improvvisamente il bottone abbandona la mera "funzionalità" ed entra a pieno titolo nell'ambito della moda, contribuendo ad arricchire e donare pregio, a volte sfarzo, agli abiti cui si accompagna.

Sembra doveroso precisare che per un certo periodo storico il bottone è impiegato soprattutto a fini di decorazione e abbellimento.

Infatti, semplicemente, viene a mancare il suo partner ideale, cioè l’occhiello o asola.

Il rientro sulla scena di quest’ultimo elemento completerà il cerchio e la funzione del bottone potrà davvero considerarsi completa. Da questo momento esso può assolvere al suo scopo primario (tenere uniti i lembi di giacche, cappotti, camicie ecc.) e al contempo mantenere precise caratteristiche di abbellimento dei capi.

La nascita dei bottonifici e la costanza nella produzione di bottoni in madreperla

Nasce il primo bottonificio e con il passare del tempo fa capolino, si sviluppa e si afferma la produzione su scala industriale dei nostri dischetti.

Come spesso succede, anche per quanto concerne l'attività dei bottonifici, c'è chi va alla ricerca di materie prime sempre più economiche, che possano essere trasformate e utilizzate con maggior profitto, a volte a scapito della qualità.

I bottonifici di successo, al contrario, continueranno a puntare sulla qualità e sulla soddisfazione dei clienti.

A tal fine, all’interno della linea di produzione di un bottonificio di qualità, non potrà mai mancare il bottone in vera madreperla.

L'australiana è la regina dei bottoni in madreperla

Il bottone in madreperla ha sempre rappresentato il top di gamma nella produzione del settore del bottonificio. La bellezza della madreperla, con i suoi colori e le sue meravigliose sfumature, abbellisce un capo d’abbigliamento e lo rende di per sé elegante. La madreperla ha occupato e verosimilmente occuperà anche in futuro un posto di rilievo nella produzione degli accessori per l'abbigliamento.

Un bottonificio di successo non può prescindere dal produrre bottoni in madreperla.

La materia prima migliore per la lavorazione industriale si ricava da conchiglie particolarmente diffuse nei mari dell’Australia e dell’Asia meridionale.

Sebbene esistano antiche testimonianze riguardanti l’uso della madreperla in Asia, essa si diffonde in Europa solo intorno al diciottesimo secolo.

La lavorazione del bottone in madreperla presso il bottonificio

Lavorare i gusci delle ostriche non è operazione semplice e va eseguita in modo esperto, seguendo precisi procedimenti e lavorazioni.

Un bottonificio che sia in grado di "trattare" in modo esperto questo tipo di materia prima e che si occupi con perizia della sua lavorazione costituisce quindi garanzia di alta qualità.

La conchiglia bivalve australiana - la miglior materia prima in assoluto - è nota per la sua durezza, sebbene non sia infrequente l'impiego di gusci di gasteropodi, valve ed ostriche di qualità inferiore, che portano il nome di "trocas", ma anche akoya e rivershell

Queste tipologie di conchiglie vengono impiegate per la fabbricazione di articoli ed accessori notevolmente più economici, giacché oltre ad essere più friabili, sono prive della lucentezza e delle sfumature per le quali è conosciuta la materia prima di alta qualità

Un bottonificio dagli altri standard può impiegare il trocas, preferendo tuttavia utilizzare, per i suoi campionari, la vera madreperla australiana e assicurandosi che sia della migliore qualità possibile.

I bottoni in vera madreperla del Bottonificio Lozio di Milano. Ma anche bottoni in corno, bottoni in corozo, e bottoni gioiello.